In un bilancio regionale disastroso il PD riesce a strappare un aumento di fondi per la prevenzione di bullismo e cyberbullismo

“Il Piemonte deve puntare a confermarsi regione di riferimento a livello nazionale per la prevenzione e il contrasto al bullismo e al cyberbullismo. Per questo ho presentato un emendamento al bilancio regionale finalizzato ad aumentare le risorse dedicate al progetto di patentino per lo smartphone. Sono lieto che la Giunta abbia parzialmente accolto questa richiesta nel maxiemendamento approvato oggi in Prima Commissione: così più scuole e più studenti potranno partecipare all’iniziativa”. Lo afferma il primo firmatario della norma “Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo”, approvata nel 2018.

“Nonostante le mancanze strutturali del documento finanziario che ci accingiamo ad approvare, che prevede tagli inaccettabili sul diritto allo studio, la cultura, le politiche sociali, la non-autosufficienza, il sostegno agli alunni con disabilità e dimentica completamente investimenti nell’ambito sanitario, questo emendamento almeno permetterà di potenziare le attività di prevenzione al cyberbullismo, che la Giunta prevedeva, invece, di tagliare” spiega il consigliere Dem. 

“Si tratta di un incremento della dotazione finanziaria da 170 a 240mila euro che consentirà a più scuole di aderire al progetto e a più ragazzi di partecipare ai percorsi di formazione per una cittadinanza digitale consapevole fondata sulla conoscenza dei pericoli della rete, ma anche sul senso di responsabilità di fronte ai propri coetanei” prosegue vicepresidente della Commissione Sanità. 

“Un intervento – conclude il vicepresidente della commissione sanità – in linea con gli impegni che il consiglio regionale ha preso lo scorso 8 febbraio, in occasione del Safer Internet Day, approvando all’unanimità una mia mozione che impegnava la Giunta ad aumentare i fondi dedicati alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo nel bilancio regionale, dare piena attuazione alla legge regionale 2/2018 e portare il progetto del patentino dello smartphone a livello nazionale attraverso la Conferenza Stato-Regioni”.

 

Posted in Uncategorized and tagged , , , , , .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.