Scongiurato il primo assalto del centrodestra alla legge sul gioco d’azzardo patologico

La maggioranza ha ritirato l’emendamento che andava a modificare la legge regionale che avrebbe fatto decadere gli obblighi di distanza degli apparecchi dai luoghi sensibili per tutti i gestori in possesso della licenza alla data di entrata in vigore della legge del 2016. Non solo, nel contesto della braccio di ferro sul cosiddetto “omnibus“ l‘opposizione ha attenuto il via libera all’indagine conoscitiva in commissione sanità sulla gestione dell’emergenza Covid che sarà guidata da un rappresentate di minoranza e la rinuncia all’aggiunta di 8 specie caccia in Piemonte. 

Ora ci auguriamo che anche per il futuro non tentino più di “saltare la fila” e che accettino di discutere i provvedimenti dedicando loro il giusto tempo in commissione.

Quello sul GAP è un risultato particolarmente importante conseguito grazie all’opposizione compatta di tutta la minoranza in consiglio regionale e la mobilitazione di tante associazioni e cittadini piemontesi. Tuttavia la Lega ha presentato ben due proposte di legge: la 56 per modificare l’attuale norma, e la 99 con lo scopo di abrogarla e sostituirla… la destra non desiste dall’obiettivo di riportare indietro le lancette dell’orologio nonostante l’efficacia della norma e i risultati ottenuti a beneficio dei piemontesi. 

Per questo, nonostante il risultato raggiunto oggi, non dobbiamo abbassare la guardia perché la partita è solo stata rimandata.
Firma la petizione a difesa della legge qui:
http://bit.ly/38wdifj

Posted in Uncategorized.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.