Ahmad libero! Lo chiede all’unanimità il Consiglio Regionale del Piemonte

Il voto unanime del consiglio regionale conferma che quella per Ahmadreza Djalali è una battaglia condivisa da tutti per i diritti e per la libertà. Ringrazio tutte le forze politiche presenti in Consiglio. Con l’Ordine del Giorno approvato oggi Regione Piemonte si esprime con una voce sola chiedendo giustizia per Ahmadreza Djalali cittadino onorario di Novara e ricercatore presso l’Università del Piemonte Orientale come esperto di Medicina dei disastri e assistenza umanitaria.

Sul grande tema dei diritti umani, di cui oggi ricorre la giornata internazionale abbiamo la responsabilità e il dovere di cercare convergenze, le più ampie possibili. Il caso di Ahmad, la sua ingiusta detenzione e condanna ci riguarda tutti. Non dobbiamo arrenderci e fare tutto ciò che è in nostro potere per chiedere la sua liberazione: mi auguro che questa nostra iniziativa, insieme alle molte altre nate in questi giorni o che proseguono da anni, contribuisca a sbloccare la situazione così che Ahmad possa tornare presto dalla sua famiglia.

Seguo da anni la vicenda di Ahmad e mi sono mobilitato con altri colleghi già nella precedente legislatura quando il Consiglio Regionale si è espresso a favore di un intervento della comunità internazionale contro la sentenza del tribunale di Teheran. La rete e la grande mobilitazione ci danno una grande opportunità che non possiamo sprecare per questo torno ad invitare tutti a firmare la petizione lanciata da Amnesty International a questo link: https://bit.ly/37XrcZs.

Posted in Uncategorized and tagged , , , , .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.