Inversione dirigenza Asl Vercelli e Vco non ha nulla a che vedere con il bene dei territori

Prendo atto della scelta della Giunta regionale di invertite i direttori generali delle Asl di Vercelli e del Vco a pochi mesi dalla scadenza del mandato triennale (maggio 2021).

Solo pochi giorni fa, rispondendo a un’interrogazione del sottoscritto, l’assessore alla sanità aveva dichiarato che la valutazione dei direttori generali viene effettuata solamente sul raggiungimento degli obiettivi assegnati e che ha due esiti possibili: la contestazione con decadenza dell’incarico o, in caso di valutazione positiva, conferma dello stesso. E’ evidente, quindi, che in questo caso, entrambi i professionisti coinvolti hanno ricevuto una valutazione positiva.

A quanto pare, però, esiste una terza possibilità, non contemplata nella risposta di qualche giorno fa, che prevede l’avvicendamento tra territori. Chiederemo all’assessore Icardi in base a quali criteri sia stata effettuata questa scelta.

Purtroppo, da quanto abbiamo appreso dalla stampa in questi mesi, sappiamo chela decisione è utile a sistemare gli equilibri interni alla Lega, ma non ha nulla a che vedere con il bene dei territori coinvolti. Questa volta lo slogan sembra essere “Prima la Lega!” e poi tutto il resto.

Quali obiettivi saranno assegnati ai direttori da qui a maggio? Era proprio il caso di procedere il tal senso in piena emergenza Covid, con i contagi in aumento e le strutture che hanno bisogno di continuità e programmazione? Nei prossimi giorni depositerò una nuova interrogazione con cui chiedere conto di tutto questo all’assessore competente.

Posted in Comunicato stampa, Covid, Politica, Regione Piemonte, Sanità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.