Cave: l’assessore annuncia l’avvio dell’iter del PRAE

Finalmente il Piano Regionale per le attività estrattive (PRAE) approderà in giunta e sarà dato il via alla Conferenza di copianificazione. Lo ha comunicato oggi l’assessore Tronzano nel corso della terza Commissione.

Un passaggio previsto dalla legge regionale approvata nel novembre del 2016 che ho più volte sollecitato in commissione e in consiglio. 

Un ulteriore e fondamentale tassello per dare piena applicazione della norma, ma occorre correggere un punto fondamentale nel Documento Preliminare al PRAE: l’attuale versione, infatti, non prevede il dimensionamento dei fabbisogni e delle soglie quantitative. Se così fosse il piano perderebbe buona parte della sua utilità, ma, soprattutto, sarebbe in contrasto con la stessa legge regionale. 

Un piano privo di soglie quantitative toglie al pubblico la possibilità di controbilanciare l’attività del privato lasciando il settore nelle mani del solo libero mercato, come è attualmente. Sembra un tecnicismo, ma non lo è per ragioni di natura urbanistica (il piano sarà sovraordinato ai piani regolatori comunali), ambientale e paesaggistica. 

Vi assicuro che non mancherà il mio impegno deciso affinché venga rispettato quanto previsto dalla norma regionale. 

 

Posted in Cave and tagged , , .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.