Il centrodestra in Regione boccia la commissione speciale sull’emergenza Covid

Chiedono responsabilità alle opposizioni, ma si comportano da irresponsabili! Dopo giorni di finta disponibilità, alla fine arriva il no della maggioranza all’istituzione della commissione speciale sull’emergenza Covid19; un comportamento che apre una frattura difficilmente sanabile con le opposizioni.

Al termine della seduta odierna dell’assemblea regionale infatti il centrodestra affossa definitivamente ogni possibilità di fare chiarezza sulla gestione dell’emergenza Covid19 con una commissione speciale.

Avevano il solo obiettivo di istituire la commissione autonomia e accelerare le modifiche alla legge sulla caccia, che nulla hanno a che fare con gli interessi dei cittadini piemontesi, mentre sono indifferenti ad approfondire ciò che davvero è accaduto in questi mesi, nonostante le aperture del segretario della Lega in Piemonte. Continuano a giocare in difesa intimando l’alt all’unico strumento, la commissione speciale, che ci avrebbe consentito di approfondire problemi, criticità e possibili soluzioni alternative nella gestione della pandemia sul nostro territorio.

Una scelta sbagliata in cui i veri bisogni dei cittadini vengono ignorati: solo un’attenta analisi di quanto accaduto nei mesi scorsi può aiutarci ad affrontare situazioni analoghe che, per quanto ne sappiamo, potrebbero riproporsi già dal prossimo autunno.

Ancora una volta il dialogo con la maggioranza si rivela un vicolo cieco: nessuna mediazione, ma anzi un vero e proprio bluff sulla pelle della sanità piemontese.

Quanto accaduto conferma che la strada dell’approfondimento e dell’analisi è quella corretta: se una commissione speciale fa tanta paura, probabilmente è necessario andare ancora più a fondo e lo faremo con tutti gli strumenti istituzionali di cui disponiamo. Non sarà facile, ma non indietreggeremo di un passo perché lo dobbiamo ai tanti che sono morti o che si sono ammalati e a tutti coloro hanno lavorato in prima linea durante questi mesi. Il Piemonte è la seconda regione italiana per casi accertati di Covid19 e tutti hanno visto i problemi che ci sono stati con i DPI o nelle RSA.

L’assenza costante del Presidente della Regione che ha abbandonato il Consiglio a se stesso, o meglio, in balia degli umori dei capigruppo della sua maggioranza… dimostrando ancora una volta come per la destra il Consiglio Regionale sia visto come un fastidio, un ostacolo, e non il luogo dove mediare le diverse posizioni nell’interesse generale dei cittadini piemontesi.

 

Posted in Comunicato stampa, Covid, Regione Piemonte, Sanità and tagged , , , , , .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.