RSA ignorate nonostante il protocollo regionale: subito tamponi e test sierologici. Si costituisca la cabina di regia provinciale.

Ho salutato con favore la firma del protocollo regionale sulle RSA dei giorni scorsi… Ma deve produrre azioni concrete, altrimenti rischia di fare danni perché aumenta le aspettative di persone ed enti che stanno attraversando giorni drammatici, senza che poi seguano soluzioni all’altezza.

Continuo a ricevere segnalazioni di situazioni estreme sulle quali nessuno interviene: l’ultima in ordine di tempo quella del direttore dell’Opera Pia Curti di Borgomanero, una Rsa dove sono decedute 17 persone ma, nonostante l’intervento dell’USCA (Unità speciali di continuità assistenziale), non è stato eseguito nessun tampone ai dipendenti e nessun test sierologico ai pazienti. Tutte cose promesse pubblicamente nei giorni scorsi dall’assessore.
Basta annunci ad effetto sulle situazioni delicate: servono azioni concrete e rispetto.

Come si sta dando attuazione al protocollo? Secondo quali criteri? Esiste un cronoprogramma? I test sono stati acquistati? Per quale motivo si registrano asimmetrie di intervento e di risorse tra i diversi territori? Sono domande che sottoporrò all’assessore nella commissione sanità di lunedì e a cui occorre dare una risposta al più presto.
Pur comprendendo la complessità di una situazione inaspettata e inedita per tutti è lecito attendersi interventi puntuali e tempestivi proprio alla luce di un documento che è stato presentato come risolutivo.

L’articolo 14 del protocollo, inoltre, si focalizza sulle RSA prevedendo una cabina di regia provinciale per monitorare e coordinare l’attuazione delle linee guida. Un soggetto che riunirebbe associazioni datoriali, ordini professionali, organizzazioni sindacali, associazioni di pazienti e familiari, associazioni di rappresentanza degli enti locali, enti gestori e ASL di competenza. Mi aspetto che al più presto il Presidente della Provincia provveda in tal senso, non c’è altro tempo da perdere.

Posted in Regione Piemonte, Sanità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.