La commissione legalità parte nel peggiore dei modi possibili: nonostante il caso Rosso, sprecata un’occasione di coesione

Dopo tanta attesa partono oggi i lavori della “Commissione permanente per la promozione della cultura della legalità e il contrasto dei fenomeni mafiosi” del Consiglio Regionale. ”Peccato che la nomina dell’ufficio di presidenza abbia rappresentato l’ennesima opportunità sprecata per un cambio di passo su un tema centrale e prioritario per il nostro territorio” commenta il consigliere Domenico Rossi. “C’erano due strade possibili: o la ricerca di una figura riconosciuta unanimente da tutte le forze politche o l’autonomia delle forze di minoranza”

La presidenza, invece, è stata decisa da un accordo tra Lega e Movimento 5 Stelle, con quest’ultimo pronto a modificare la propria indicazione sulla candidatura pur di assicurarsi la guida della commissione.

La Lega ha scelto il presidente a la carte, con il M5S che si è prestato a fare sponda, ipotecando così la funzione di garanzia della presidenza” precisa Rossi. “L’ipocrisia della posizione della maggioranza sulla bocciatura di Diego Sarno, con cui condivido da oltre quindici anni un percorso di impegno nell’antimafia sociale, alla presidenza della Commissione Legalità è insostenibile oltre che inaccettabile: mentre la Regione aderisce ad Avviso Pubblico la Lega sceglie di impedire l’elezione del coordinatore regionale dell’associazione” aggiunge il consigliere Dem.

“La decisione del Partito Democratico di non entrare in ufficio di presidenza non è un passo insietro ma vuole essere un segnale chiaro” prosegue Rossi evidenziando che “non mancherà il nostro impegno propositivo su questi temi ma dall’opposizione vigileremo sull’operato di una commissione che, alla luce della vicenda giudiziaria che coinvolge l’ex assessore Rosso, assume un peso specifico ancora più importante e dovrà assolvere un compito gravoso”.

“Registriamo ancora una volta – conclude Rossi – come il Presidente Cirio non sia il dominus politico della maggioranza: Forza Italia, infatti, non vota il candidato del PD, sul quale in diverse occasioni il Presidente aveva espresso apprezzamenti, e si allinea alla Lega sul voto al candidato del M5S. Da oltre sei mesi aleggia un quesito: Chi comanda in Regione?”.

Posted in Antimafia, Comunicato stampa and tagged , , , , , , .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.