Caso Rosso: Rischio condizionamento mafioso sulla legislatura, Cirio riferisca in aula

L’arresto dell’assessore Rosso è una pessima notizia per il Piemonte, perché, al di là delle responsabilità personali che, come doveroso, devono essere accertate dalla magistratura, getta un’ombra sull’intera istituzione che il Presidente Cirio ha il dovere di tutelare”. Quanto emerso dalla conferenza stampa degli inquirenti descrive un quadro molto grave: Rosso avrebbe pagato migliaia di euro in cambio in cambio di un pacchetto di voti stimato in 2000 preferenze nella consapevolezza di avere a che fare con ‘ndranghetisti. 

Questo apre una questione enorme per la giunta regionale, perché possiamo dire che abbiamo corso il rischio di avere una legislatura “condizionata” dalla presenza mafiosa. Ma è sull’attuale Giunta e l’attuale maggioranza che ora ricade l’onere della prova. Perché è vero che Rosso si è dimesso da assessore, ma questo è sufficiente? Io credo di no. Ci sono delle domande che esigono risposta: Il governo della Regione è ancora sufficientemente autorevole? Come faranno i cittadini piemontesi a essere certi della estraneità della mafia dalle scelte della Regione? Su questo ci aspettiamo parole chiare e convincenti da parte del Presidente e delle forze di maggioranza. Così come, durante il dibattito, chiederemo al Presidente di chiarire le dinamiche che hanno portato Rosso a diventare assessore e se è in grado di assumersi la responsabilità di tutti gli atti amministrativi portati avanti da Rosso in questi mesi.

Solo dopo la risposta a queste domande saremo nella condizione di capire se il Presidente Cirio è nella condizione di poter continuare a governare il Piemonte.

Quanto accaduto non solo testimonia come la ‘Ndrangheta attraverso l’organizzazione del voto riesca a influire sulla politica, ma anche di un tessuto debole, facilmente infiltrabile e condizionabile. E questo non ce lo possiamo permettere.

 

Posted in Comunicato stampa and tagged , , , , .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.