Riqualificazione e rigenerazione urbana: una norma per ridurre il consumo di suolo

Il tema del riuso edilizio e della rigenerazione urbana al centro dell’appuntamento di lunedì 5 novembre ad Arona, per la presentazione della legge regionale n. 16/2018 “Misure per il riuso, la riqualificazione dell’edificato e la rigenerazione urbana” (leggi il testo integrale qui), un tema che si intreccia  con la drammatica situazione che in questi giorni ha investito molti territori del nostro Paese. Lo ha ricordato il consigliere regionale Domenico Rossi richiamando un rapporto dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale pubblicato lo scorso mese di luglio sul consumo di suolo. “La fotografia della situazione rappresentata da Ispra è allarmante. A livello nazionale, nel 2017 tra infrastrutture e cantieri sono state interessate aree protette e a pericolosità idrogeologica per un totale di 52 chilometri quadrati. In particolare il 6% delle trasformazioni si trova in aree a pericolosità da frana ed oltre il 15% in quelle a pericolosità idraulica” spiega Rossi.

Cifre che, ancora una volta, richiamano alla necessità di ripensare le politiche di sviluppo e ambientali del Paese. “E’ del tutto evidente – prosegue Rossi – che il nostro futuro è strettamente connesso a quello della natura che sfruttiamo e che, quindi, dobbiamo porci il problema del consumo di suolo. In quest’ottica sono convinto che la legge regionale rappresenti un punto di partenza in questo senso perché incentiva visioni e pratiche circolari”. La norma regionale, infatti, rappresenta una disciplina organica e stabile, senza il carattere della deroga allo strumento urbanistico e senza limitazioni temporali, che consente il rinnovo delle città attraverso il riuso e la riqualificazione del patrimonio edilizio compromesso o in stato di abbandono attraverso interventi agevolati per il recupero di singoli edifici o il rifacimento di aree più estese.

“Regione Piemonte si è dotata di un testo che conferisce un ruolo attivo ai Comuni che devono compiere delle scelte in termini di governo del territorio e di riqualificazioni, sia dal punto di vista economico che del miglioramento ambientale, prevedendo inoltre premialità per gli operatori e per i cittadini sulle bonifiche, le rigenerazioni urbane e le progettazioni condivise. E’, infatti, prevista una riduzione della fiscalità urbanistica nelle procedure di riuso, sia sui singoli fabbricati che su interi lotti” ha precisato Elvio Rostagno, relatore della legge.

Leggi qui la DGR n. 43-7891 del 16 novembre 2018, con la quale sono stati approvati  i parametri tecnici e i criteri necessari al fine di assentire gli interventi di cui alla l.r. 16/2018 – Misure per il riuso, la riqualificazione dell’edificato e la rigenerazione urbana.

Guarda qui le slide di presentazione della Legge Regionale.

 

Posted in Ambiente, Comunicato stampa and tagged , , , , , .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.